mercoledì 2 settembre 2015

Parole, soltanto parole, o...?


Ricevo e pubblico la richiesta di un frequentatore dei vari forum dei brutti, affinchè pubblicassi i link di tutti i forum sul tema della bruttezza ufficialmente attivi. 
Lo faccio volentieri, con la speranza che davvero qualcosa sia cambiato. In meglio.
Mi spiace vedere come siano sorti cosi tanti cloni del primo forum, perchè sono sempre convinto che non fosse necessario dividersi. Crea soltanto inutile confusione ed è dispersivo. C'era spazio per tutti in un unico sito, purchè nel rispetto di tutti. Questo è mancato: tolleranza, senso della misura, comprensione, rispetto. Spesso noi brutti ci lamentiamo giustamente perchè siamo derisi, trattati con sufficienza, insultati per il nostro aspetto. La tolleranza però dobbiamo iniziare ad esercitarla con chi non la pensa come noi. 
Spero tanto che la civile convivenza sia ritornata e che i troll siano stati emarginati. 
Di tutto c'è bisogno, fuorchè di litigare anche fra noi brutti.

Auguro buona fortuna a tutti, presto verrò a leggervi.



lunedì 5 gennaio 2015

Dov'è finito l'antico spirito del Forum?!

Qualche anno fa pensai che il blog dei Brutti fosse una buona idea, che andava a colmare un "vuoto", ma che accanto ad esso doveva nascere il suo completamento, attraverso un Forum di discussione attivo, aperto, costruttivo, appassionato, ma soprattutto educato e sempre civile nei contenuti e nell'atteggiamento dei suoi frequentatori, verso l'esterno ma principalmente fra di noi.
Un Forum come il Nostro, come l'avevo pensato io, non doveva avere bisogno di regole, nè di warning, nè di moderatori, nè di censori pronti a tirare fuori cartellini gialli e rossi.
Invece, è degenerato in uno spazio popolato solo da piromani e pompieri. Ho provato a ritornarci, qualche mese fa, ma non ce l'ho fatta a resistere. Quella non era più casa mia. Morti di figa incazzati con il mondo intero, addirittura test per valutare l'effettiva bruttezza degli iscritti e uno strisciante sentimento di odio verso le donne. Pazzi deliranti.

Se non siamo capaci ad essere costruttivi e fare squadra fra noi, se ci mandiamo a quel paese fra noi, se lasciamo che una banale divergenza di opinioni ci dia il diritto di insultarci peggio di come fanno le veline o i fighetti dal bel faccino che tanto detestate, allora ragazzi miei, non andiamo da nessuna parte ed è giusto che restiamo nel buco nero dove il destino ci ha cacciati dandoci sembianze orripilanti.
E invece cosa avete combinato? Da allora sono nati 3 diversi forum! Ognuno dei quali pretende di essere il "vero", il "solo" depositario del Verbo dei brutti.
No ragazzi, non ci siamo capiti e sono davvero deluso.
Nel momento in cui ci si divide per futili motivi, il forum ha fallito il suo compito originario, che era pensato per unire e solidarizzare, e non per dividere e litigare! Cazzo! 

Il forum inteso come luogo di confronto e mutuo soccorso ha lasciato il posto a un luogo di debosciati che si vomitano addosso odio e violenza, frustrazioni e rancore come purtroppo capita ormai in tutti i forum di internet, dall'ANSA ai siti più infimi.
Ma noi non eravamo come tutti gli altri. Non doveva finire cosi. Non dovevamo lasciare che i provocatori di professione si impadronissero del nostro spazio.
Cosa avete in quel cervello spappolato? Perchè facciamo schifo fisicamente, tanto vale che ci comportiamo anche da merde umane? Siete capaci di nutrire solo l'odio dentro di voi?
Vergognatevi.
Perchè sul forum fate a gare per esprimere il peggio di voi? Vi sentite realizzati nel pascervi nell'anonimato stando dietro ad un monitor da dove potete spargere rancore e disprezzo sul mondo esterno?
UNA PERSONA BRUTTA NON E' PER FORZA ANCHE UNA BRUTTA PERSONA. E' questo che non è mai stato capito da coloro i quali hanno rovinato tutto.

Anton spero che tu capisca che questa invettiva incazzata non è riferita a te, ma a questa piega orribile che il forum ha preso in questi anni. Spero tanto che tu possa riuscire a risollevarne gli intendimenti più nobili e che i pochi utenti sani ti seguano. Il Banner animato a sinistra del blog ora rimanda al nuovo forum, ma per ora non mi iscrivo. Sono ancora molto deluso e lo considero anche un mio fallimento. Vi tengo d'occhio, poi, forse, mi farò vivo. Ma solo se potrò sentirmi a mio agio. 

Admin






mercoledì 18 giugno 2014

Dove eravamo rimasti? Dopo 5 anni, Brutto is back!



Cari amici, il blog non è morto, si è solo assopito per un lungo sonno nell’oblio, di quasi 5 anni.

5 anni in cui nella vita del Vostro Admin è cambiato molto, tranne la sua aberrante bruttezza e l’essere sistematicamente rifiutato da ogni essere femminile di questo pianeta.

Sono tornato qui con il sentimento di chi torna in un luogo caro, un luogo che per molto tempo è stato casa mia, che ho costruito e a cui ho voluto bene

Poi da li è nato il forum dei brutti, che ha riscosso un successo straordinario e a dir poco commovente. Ho ottenuto quello che volevo: un luogo in cui i brutti potessero incontrarsi e comprendersi, senza essere giudicati, liberi finalmente di essere se stessi.

Non esisteva un luogo cosi, prima della mia “invenzione”. Ne sono orgoglioso, e non è soltanto perchè nella vita di un brutto le soddisfazioni sono poche e bisogna accontentarsi di quello che viene.

Tanti anni sono passati, ora il forum si è sdoppiato, ci sono centinaia di utenti e argomenti nuovi che trovano un’oasi nel mare marcio dei social network, dove impera il culto del bello ad ogni costo.
Questi è l'indirizzo dove potete trovare il nostro forum:



Il mio ringraziamento va a tutte quelle persone che l’hanno fatto vivere dopo che io, per molte ragioni, dovute principalmente a gravi problemi di salute e ad una serie di impegni che mi hanno tenuto lontano, non ho più potuto parteciparvi con assiduità. Non avevo tempo e non avevo testa e ho cercato anche di non fissarmi solo sulla mia bruttezza, cercando di costruirmi interessi e attività in cui il mio aspetto fisico non fosse un ostacolo insormontabile.

Naturalmente ho trovato anche il tempo per un nuovo terribile lacerante innamoramento impossibile per una mia collega, la classica velina, incarnazione della perfezione, che naturalmente mi ha bruciato il cervello, con gli effetti che potete facilmente immaginare.

Da oggi sono ufficialmente tornato. Riaccendiamo il motore del blog e ripartiamo.



Admin 

lunedì 10 agosto 2009

Robe da pazzi: "come diventare veline" gioco per adolescenti (deviate)


Che ormai siamo alla canna del gas e all'ultimo livello di questa società putrida e immonda, cari amici del blog, il vostro admin se n'era accorto da tempo.
Ma questa notizia, tratta dall'ANSA di oggi, ho un non so chè di nauseabondo. Non ci rimane che aprire le braccia, sconsolati, e abbassare il capo in segno di sconfitta. qualcuno abbia la decenza di tirare lo sciacquone in modo che io possa scivolare giù insieme a tutto il guano che mi circonda.



COME DIVENTARE VELINE, GIOCO WEB PER ADOLESCENTI

Essere carine, glamour, very cool, e per questo ricorrere a diete dimagranti e persino al chirurgo estetico. Obbiettivo, salire di livello e ottenere un 'boyfriend' che pagherà perché siate sempre più belle.
E' un gioco virtuale sul web, nato in Francia ed 'esportato' in Inghilterra, che sta spopolando anche tra le bambine e le adolescenti italiane. La filosofia del gioco è, in sostanza, imparare a diventare veline con tutti i prodotti commerciali e gli strumenti della tecnologia a disposizione. I genitori, intanto, hanno cominciato a protestare. 'Ma bimbo', il gioco francese, e 'MissBimbo', il corrispettivo britannico, - la traduzione italiana di 'bimbo' è più o meno 'velina' - funzionano esattamente come qualunque gioco virtuale a punteggio e si presentano in veste di 'fashion game'. 1.000 'bimbo dollars' (denaro virtuale) sono disponibili per la ragazzina da subito, al momento dell'iscrizione. Si parte dal primo livello e con i soldi-bimbo si può realizzare con la propria avatar, il personaggio virtuale, i primi obbiettivi per essere sempre più 'cool' e perciò ottenere punteggio.

Acquisti virtuali di creme di bellezza, affitto di appartamenti e ville (all'inizio la giocatrice, secondo le regole, vive ancora con i genitori), nuove acconciature e colore dei capelli. La bimbo, naturalmente, deve essere nutrita, meglio però se con alimenti dietetici per mantenerla in forma e farla diventare sempre più hot, con un traguardo: essere la 'hottest' del paese. Di livello in livello, ecco comparire anche il boyfriend. Il fidanzato di più alto livello garantirà alle aspiranti bimbo una maggiore quantità di dollars da spendere per essere sempre più belle e alla moda e, di conseguenza, più punteggio.

"Molti giustificano lo scopo di questo gioco osservando che, di fatto, tutto ciò accade anche nella realtà. Ma è una logica pazzesca - si sfoga Simona S., mamma di Francesca, 12 anni -. Sappiamo bene che i giochi possono creare confusione tra reale e virtuale. E, in questo caso, il virtuale finisce per confermare e rafforzare abitudini che si stanno diffondendo nella società e che certamente una bambina di 12 anni non dovrebbe fare proprie".

Il passaparola tra adolescenti però è davvero contagioso e spesso i genitori si accorgono tardi di quel che sta accadendo. "Se vuoi avere successo nella vita devi essere bella e piacente a qualunque costo". Questa affermazione può essere frutto di libera scelta da parte di una donna che ha fatto le sue esperienze ed ha deciso di adottare questo approccio alla vita - osserva Davide Bennato sul blog Tecnoetica -. Scelta discutibile, ma non per questo impraticabile. Il punto è presentare questa affermazione come l'unica possibile a una bambina dai 9 anni in su. Il videogioco, per il tipo di target a cui si rivolge, rischia di dare un'immagine distorta della femminilità e del tipo di ruolo che la donna - volente o nolente - copre nella società". Il successo, tuttavia, non è virtuale: 60 mila contatti al mese, con punte di 70 mila.

sabato 8 agosto 2009

Si annida su Facebook l'odio per i brutti


"Esportiamo cessi, importiamo bonazzi"
E' il titolo di uno dei gruppi di Facebook, che per non farsi mancare niente, ha anche un omologo al maschile, che contano in tutto oltre 6.000 fra uomini e donne, e si pongono questi "nobili" obiettivi (copioincollo testualmente dalla loro pagina):

Questo gruppo nasce con lo scopo di risollevare l'economia italiana affiancandosi al gruppo "ESPORTIAMO CESSI,IMPORTIAMO BONAZZE". Come suggerisce il suddetto gruppo,l'idea è semplice: lo stato deve cedere i ragazzi italiani più brutti ai paesi esteri ed in cambio importare le migliori bellezze europee e non. I paesi esteri potranno utilizzare i nostri "cessi" come meglio credono (cavie da laboratorio, lavori forzati ecc...) mentre noi offriamo ai "bonazzi" stranieri vitto ed alloggio nella bella Italia. Un incremento della bellezza media nel nostro paese porterà così ad un aumento del turismo e quindi ad un miglioramento globale dell'economia. Esempio classici di possibili scambi: 2 "cessi italiani" per 1 " bonazzo scandinavo"; 2 "cessi italiani" per 1 "bonazzo cubano"; 2 "cessi italiani" per 1 " bonazzo brasiliano" ecc...
I paesi stranieri ci guadagnano poichè posseggono la materia prima in maggiori quantità rispetto all'Italia, mentre il nostro caro paese si ripulisce dall'immondizia ed incrementa il turismo! In più non dobbiamo sottovalutare il fattore genetico: Se l'Italia sarà popolata da bonazzi stranieri, noi saremo invogliate a darla più facilmente. In aggiunta per una semplicissima legge della genetica (chiedete a Mendel per maggiori info) la razza italiana andrà a migliorare esteticamente generazione per generazione sempre di più fino a raggiungere (e superare) gli standard di paesi come la Svezia, il Brasile, la Germania ecc...
Esportiamo cessi Importiamo bonazzi significa migliorare la nostra qualità della vita.
Più di 5000 RAGAZZI hanno aderito al gruppo "ESPORTIAMO CESSI,IMPORTIAMO BONAZZE", quindi DONNE! risvegliate il patriottismo che è in voi e ADERITE E FATE ADERIRE TUTTE!!!!!!



Cos'altro aggiungere? Ogni commento è veramente superfluo. A queste giovani, patriottiche ed intraprendenti fanciulle dico che mi auto-esilierei volentieri, al mio posto vorrei che arrivasse un bellissimo stupratore bosniaco o tedesco o brasiliano, e che egli venga qui in italia a tener loro compagnia a modo suo...

Non c'è limite al degrado e alla vergogna.

ho fatto una segnalazione chiedendo la rimozione di quei gruppi per evidente istigazione all'odio razziale e condotte palesemente scorrette. Abbiamo tutte i diritti per farlo chiudere. Abbiamo bisogno però del vostro aiuto, più siamo e più forte sarà la nostra voce. Chi di voi ha un profilo su facebook, è caldamente invitato a cercare quel gruppo e segnalarlo utilizzando l'apposita funzione "segnala gruppo" presente in basso a sinistra nella relativa pagina, indicando come motivazione "Discussione Razzista"

Chi di voi (come il sottoscritto) odia facebook e non si iscriverà mai a tale infima devianza planetaria, può mandare segnalazione all'indirizzo mail abuse@facebook.com (cliccando sull'indirizzo mail apparirà già il testo pre-compilato e il destinatario, vi basterà poi dare "invio" su Outlook e la mail verrà mandata a chi di dovere). Ho dovuto redigerlo in inglese perchè altrimenti i signorini non lo capivano...

Brutti e non, dobbiamo far sentire la nostra voce. Quegli infami non devono passarla liscia!

giovedì 11 giugno 2009

Il brutto che avanza


Salve, finalmente dopo quasi 5 mesi ritorno a scrivere su questo blog. E' stata una parentesi lunga ma produttiva ed esaltante, durante cui mi sono dedicato anima e corpo alla candidatura alle elezioni amministrative nel mio comune.
5 mesi, come dicevo, fatti di riunioni giornaliere, impegni, public relations, incontri, ecc...
L'aspetto che mi è pesato di più, manco a dirlo, è stato dover conoscere persone nuove e stare molto in mezzo alla gente. Per me che sono refrattario al contatto pubblico, è logorante.

Dopo mesi di impegno e fatiche, sabato 6 e domenica 7 giugno i miei concittadini ci hanno premiato con la loro fiducia. La nostra lista civica ha conquistato il 48% dei consensi, eguagliando praticamente la somma dei voti ottenuti dagli altri 3 contendenti. Abbiamo stravinto, ora sappiamo bene che la fiducia accordataci con così schiacciante maggioranza, anche per i prossimi 5 anni, dovrà essere rispettata.

Io sono stato eletto consigliere comunale con 55 preferenze personali. 55 persone hanno deciso di essere rappresentate da un brutto.
Penso sia una piccola ma significativa vittoria per tutta la categoria, che dimostra come in altri settori della vita possiamo farci valere quanto i normali o i belli.

Comunque, so per certo che anche diversi belli e belle hanno votato per me, e questa è un'altra soddisfazione. Forse un "dialogo" fra noi e loro è ancora possibile.

In attesa di presentarci presto alle elezioni con una compagine tutta nostra, l'Alleanza per i Diritti dei Brutti, vi invito caldamente a votare scegliendo di dare la vostra fiducia al candidato più brutto, indipendentemente dal partito o dall'area di appartenenza.

Ricorda: VOTA IL BRUTTO. Al comune, alla provincia, in europa. Il brutto è una sicurezza di serietà e dedizione alla causa.